stampa

SEPA Single Euro Payments Area

End-Date : 1° febbraio 2014

 
 
Immagine logo SEPA
 
 

La migrazione a SEPA

La migrazione verso gli schemi operativi SEPA (S.C.T. e S.D.D.) avverrà in due tempi:

  1. Entro il 1° febbraio 2014 (end date) per i Paesi Euro
  2. Entro il 31 ottobre 2016 per i Paesi non-Euro + Liechtenstein, Norvegia e Islanda (Svizzera e Principato di  Monaco non sono tenuti dall'adozione esclusiva degli schemi Sepa)
 

La migrazione riguarderà:

  • I bonifici nazionali effettuati con la procedura BON
  • Gli addebiti diretti effettuati con la procedura RID
  • I pagamenti interni ad un 'gruppo' aziendale se effettuati utilizzando lo standard XML ISO 20022
  • I bonifici per cassa per pagamento in contanti

La migrazione non riguarderà i servizi di Ri.Ba., MAV, RAV, bollettini bancari e postali, RID "ad importo fisso" e RID "finanziario".

 

Per le imprese: Cosa fare - Quando farlo

  • 1. Affrontare le problematiche tecnico-organizzative, coinvolgendo gli uffici che si occupano di fatturazione e amministrazione, sistemi di pagamento ed informatico, front-back office:
  1. Inserire il più presto possibile il codice IBAN e, nel caso, BIC nel sistema di fatturazione e nel database dei pagamenti
  2. Utilizzo del formato XML ISO 20022:  è al momento facoltativo per le imprese, ma una capacità gestionale autonoma di questo formato è in generale opportuna, mentre è obbligatoria a partire dal 1/2/2016 per tutte le imprese (con esclusione delle micro) nel caso di invio di bulk file.
  3. Gestione degli 'R-messages' (reject, refusal, return etc.) e contestuale dismissione dei relativi vecchi format
  4. Gestione dei mandati per SDD. Anche se i vecchi mandati emessi entro il 1/2/2014 sono validi, si consiglia di passare al nuovo format emesso da EPC, specialmente se si intende utilizzarlo in via elettronica (e-mandate)
  5. I beneficiari del servizio di addebito diretto dovranno informare i pagatori dell'intenzione di avvalersi del SDD, con un preavviso di almeno 2 mesi e comunque non oltre il 1° dicembre 2013.
 
  • 2. Esaminare i vantaggi gestionali e strategico- commerciali che possono derivare per l'impresa dalla piena introduzione della SEPA: come proporre/utilizzare i nuovi strumenti con la propria clientela europea (ad esempio il SDD), come utilizzare la fatturazione ed il mandato elettronico, come indirizzare alla Banca l'intero flusso dei pagamenti e degli incassi per tutta l'Europa ? Ed altro ancora.....

Cosa fa la Banca Popolare di Sondrio per l'Impresa

  • Organizza sessioni di formazione 'ad hoc'
  • Pianifica test di migrazione nel corso del 2013.
  • Converte (a richiesta) i vecchi formati
  • Fornisce servizio di assistenza e consulenza operativa anche tramite la rete locale
  • Fornisce adeguata documentazione sui prodotti SEPA (schede sui prodotti e pubblicazione sul direct debit europeo)
  • Aggiorna e trasmette alla clientela informazioni su SEPA, nonché informazioni di sistema (ABI) sul Piano nazionale di migrazione, tramite la newsletter 'Business Class'.