Crollo viadotto Polcevera (ponte Morandi) della A10 a Genova del 14 agosto 2018

Sospensione del pagamento rate dei mutui

Con l'ordinanza n. 539 del 20 agosto 2018 della Presidenza del Consiglio dei Ministri (G.U. n. 194 del 22-08-2018) - recante "Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza dell'emergenza determinatasi a seguito del crollo di un tratto del viadotto Polcevera dell'autostrada A10, nel comune di Genova, noto come ponte Morandi, avvenuto nella mattinata del 14 agosto 2018 - all'art. 13 Ŕ disposta la possibilitÓ di richiedere la sospensione, fino all'agibilitÓ o all'abitabilitÓ dell'immobile e comunque non oltre la data di cessazione dello stato di emergenza, del pagamento delle rate dei mutui per i titolari di mutui relativi agli edifici sgomberati.

Lo stato di emergenza Ŕ stato dichiarato con delibera del Consiglio dei Ministri del 15 agosto 2018 (G.U n. 189 del 16-08-2018) per 12 mesi dalla data del medesimo provvedimento.

La sospensione Ŕ concessa a titolo gratuito; si evidenzia che essa comporta un allungamento della durata complessiva del mutuo e quindi un maggior importo degli interessi totali a carico del mutuatario.

I mutuatari, previa presentazione di autocertificazione del danno subito resa ai sensi del DPR n. 445 del 28 dicembre 2000, hanno diritto di richiedere alle banche la sospensione, entro il 30-09-2018, delle rate dei mutui optando tra:

  1. sospensione della sola quota capitale: in questa ipotesi la rata, rappresentata dalla sola quota interessi, viene rimborsata alle scadenze originarie stabilite nel contratto di mutuo. Il rimborso della quota capitale riprenderÓ al termine del periodo di sospensione, con conseguente allungamento del piano di rimborso per una durata pari al periodo di sospensione.
  2. sospensione totale della rata: gli interessi maturati nel periodo di sospensione vengono rimborsati, senza applicazione di ulteriori interessi, a partire dal pagamento della prima rata successiva alla ripresa dell'ammortamento, con pagamenti periodici che si aggiungeranno alle rate contrattuali e con pari periodicitÓ. La sospensione comporterÓ un allungamento del piano di rimborso per una durata pari al periodo di sospensione.


Sondrio, 24 agosto 2018