stampa

COVID-19 Finanziamenti per imprese agricole e della pesca (ISMEA)

Caratteristiche del finanziamento

La garanzia di ISMEA SpA per nuovi finanziamenti fino a 30.000 euro copre il 100% del finanziamento ed è concessa automaticamente attraverso modalità semplificate (Art.13, lettera m).
Il finanziamento è erogato con le seguenti caratteristiche:

 
  • durata massima di 120 mesi, preammortamento non inferiore a 24 mesi;periodicità rate: mensile o trimestrale;
  • condizioni di tasso di favore previste dal Decreto Liquidità n. 23;
  • importo non superiore alternativamente:
  • al 25% dell'ammontare dei ricavi risultanti dall'ultimo bilancio; depositato o dall'ultima Dichiarazione Fiscale presentata per le imprese costituite ante 1.1.2019 o in base ad autocertificazione per le imprese costituite dopo il 1.1.2019;
  • al doppio della spesa salariale annua del richiedente. Nel caso di imprese costituite a partire dal primo gennaio 2019 l'importo del prestito non può superare i costi salariali annui previsti per i primi due anni di attività.
  • possono essere richieste anche più garanzie per azienda, sempre nel limite massimo complessivo di cui al punto precedente, allorquando il medesimo soggetto eserciti più attività (es. coltivazione di fondi rustici fatturato €. 20/m e agriturismo fatturato €. 80/m: in questo caso le due garanzie a copertura anche di un'unica operazione, saranno rispettivamente di €. 5/mila e di €. 20/mila).

Documenti utili prima della stipula

Come richiedere il finanziamento

È necessario inviare alla propria filiale di riferimento, tramite email semplice o PEC con oggetto "COVID ISMEA LIQUIDITA' 30", i seguenti documenti: 

 
  • Dichiarazione sostitutiva atto notorio - ISMEA;
  • Informativa Privacy - ISMEA;
  • Modulo di richiesta del finanziamento;
  • Documento d'identità in corso di validità;
  • Fascicolo aziendale;
  • Per le imprese costituite dopo il 1-1-2019: autocertificazione attestante l'ammontare dei ricavi conseguiti nel 2019 ai sensi dell'art. 47 del DPR 28 dicembre 2000 nr 445;
  • Per le imprese costituite prima del 1-1-2019: ultima dichiarazione IVA completa di ricevuta di deposito;
  • Per le aziende con volume d'affari non superiore a € 7.000,00 e che, quindi, non presentano dichiarazione IVA (es. i soccidari) autocertificazione attestante l'ammontare dei ricavi conseguiti nel 2019 ai sensi dell'art. 47 del DPR 28 dicembre 2000 nr 445;
  • Lettera di manleva "Emergenza Covid-19" - adesione a modalità temporanea per la sottoscrizione di contratti e modulistica afferente prodotti e servizi bancari" (disponibile sul sito popso.it e sulla intranet all'indirizzo citato);
  • Dichiarazione di non appartenenza alla classificazione di impresa in difficoltà ai sensi del Regolamento UE 651/2014 (disponibile sul sito popso.it e sulla intranet all'indirizzo citato).

Nel caso in cui non fosse possibile inviare la documentazione richiesta tramite email, è possibile prendere un appuntamento telefonando alla propria filiale di riferimento.

Di seguito è possibile scaricare i documenti per la richiesta del finanziamento:

 
 

Richiesta di adeguamento importo/durata finanziamenti già erogati

La Legge n. 40/2020 di conversione del "Decreto Liquidità" ha introdotto al testo dell'articolo 13 la lettera m-bis) che consente alle Micro, Piccole e Medie Imprese del settore primario, danneggiate dagli eventi epidemiologici COVID-19, titolari di finanziamenti per liquidità fino a un massimo di 25.000 euro assistiti da garanzia al 100% rilasciata dall'ISMEA, già erogati e quelli deliberati dalla banca prima del 7 giugno 2020 e non ancora erogati, di chiedere l'adeguamento del finanziamento alle nuove condizioni introdotte dalla Legge in argomento, con riguardo all'importo finanziato (integrazione fino a un massimo di 30.000 euro) e alla durata (allungamento fino a massimo 120 mesi).
Nello specifico, il cliente può presentare le seguenti richieste:

1) Integrazione dell'importo del finanziamento in essere fino alla concorrenza di massimo 30.000 euro entro i limiti, alternativamente:

  • del 25% del fatturato totale del richiedente come risultanti dall'ultimo bilancio depositato o dall'ultima dichiarazione fiscale presentata alla data della domanda di garanzia ovvero di altra idonea documentazione prodotta, anche mediante autocertificazione ai sensi dell'articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445;
  • del doppio della spesa salariale annua del richiedente. Nel caso di imprese costituite a partire dal primo gennaio 2019 l'importo del prestito non può superare i costi salariali annui previsti per i primi due anni di attività.
  • La banca erogherà un nuovo finanziamento, di importo pari all'integrazione e con durata anche diversa dal finanziamento in essere, in base alla richiesta del cliente, alle condizioni di tasso previste dal Decreto Liquidità n.23.

2) Allungamento della durata del finanziamento in essere fino a massimo di 120 mesi, della durata complessiva del finanziamento. Tale operazione prevede la rimodulazione del tasso dell'operazione alle nuove condizioni legate alla durata del finanziamento. L'operazione viene perfezionata con un contratto "semplificato" per adesione che, a fronte della richiesta del cliente di allungamento della durata e di accettazione dell'adeguamento del tasso, prevede il perfezionamento del contratto mediante la comunicazione da parte della banca dell'accettazione delle nuove condizioni.

 

Come richiedere l'adeguamento dei finanziamenti già erogati

1) Richiesta di adeguamento dell'importo di finanziamenti in essere: è necessario presentare alla propria filiale di riferimento il modulo di richiesta di adeguamento dell'importo.L'adeguamento dell'importo del finanziamento alle nuove condizioni può essere effettuato sulla base della precedente versione della dichiarazione sostitutiva di atto notorio ovvero della dichiarazione sostitutiva di atto notorio già acquisita dalla Banca e integrato dal apposito modulo, di seguito reso disponibile, qualora l'importo del finanziamento debba essere adeguato al nuovo limite massimo.
Di seguito è possibile scaricare i documenti per la richiesta di adeguamento dell'importo:

2) Richiesta di allungamento della durata di finanziamenti in essere: è necessario presentare alla propria filiale di riferimento il modulo di richiesta di allungamento della durata.Di seguito è possibile scaricare i documenti per la richiesta di adeguamento dell'importo:


Per ottenere l'indirizzo email della filiale di competenza, cui inviare la documentazione compilata per ciascuna richiesta, inserisca le informazioni richieste qui di seguito e clicchi il bottone in fondo alla pagina.

 

N.B.: Per la sede di Roma utilizzare l'indirizzo email: romasede.covid19@popso.it

 
 
 
 
 

Coloro che avessero difficoltà a compilare ed inviare la documentazione richiesta, possono contattare il numero verde 800.054.816 .